Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Una posa non corretta può vanificare le prestazioni di un serramento, annullandone le capacità isolanti. La compatibilità tra serramento e vano murario, la sua posizione e il controtelaio sono fondamentali.

Le superfici trasparenti dell’involucro edilizio devono soddisfare una serie di requisiti minimi richiesti dalla normativa nazionale, che permettono di bilanciare le esigenze di comfort microclimatico e di sicurezza degli utenti, di efficienza energetica dell’edificio, di resistenza meccanica e ambientale, di durabilità(1) e di facilità di manutenzione.

Le aree vetrate, da un lato, devono garantire il contatto con l’esterno, l’ingresso della radiazione solare e il comfort visivo, termoigrometrico, olfattivo ed acustico degli occupanti mentre, dall’altro, devono costituire una barriera termoacustica, garantire la sicurezza delle persone, la resistenza e la stabilità agli agenti atmosferici (tenuta all’acqua, resistenza al vento e permeabilità all’aria).

Questi requisiti non sono sempre compatibili tra loro: ad esempio i vetri ad alte prestazioni acustiche, nella maggior parte dei casi, non garantiscono anche buone prestazioni termiche e di controllo solare.
L’attenta progettazione del “sistema finestra” in fase esecutiva, dunque, è uno strumento essenziale per bilanciare le diverse esigenze connesse con questo sistema tecnologico e per garantire corrette modalità di posa in opera del serramento. 

La scelta delle classi di prestazione meccanica ed ambientale sono fondamentali per evitare problemi di durabilità. In un progetto di nuova costruzione è importante studiare i dettagli esecutivi degli elementi di giunzione tra il serramento ed il vano murario, mentre negli interventi di recupero o di sostituzione di un serramento esistente è fondamentale studiare lo stato di degrado del paramento murario individuando gli interventi di riqualificazione e di consolidamento più opportuni. 

Posa in opera
La validità e l’efficacia di un progetto può essere inficiata da un’installazione non corretta che rischia di vanificare le scelte progettuali ed il raggiungimento di elevate prestazioni. La posa del serramento all’interno di un vano murario, infatti, è particolarmente importante per soddisfare le prescrizioni previste dalla normativa in materia di contenimento dei consumi energetici. I problemi fondamentali dipendono dalla compatibilità tra il serramento e il vano murario.
In particolare, si distinguono tre tipi di interfaccia: 

  • Geometrico, per il quale è necessario definire le tolleranze dimensionali per l’esecuzione del vano murario e per la produzione del serramento;
  • Meccanico, relativo alle deformazioni che subiscono il vano murario e il serramento quando sono sottoposti a sollecitazioni meccaniche o ambientali;
  • Chimico-fisico, relativo alle interazioni tra i diversi componenti che costituiscono il “sistema finestra”.

(1) Secondo il D.M. 14.01.2008 la durabilità o durevolezza è definita come conservazione delle caratteristiche fisiche e meccaniche dei materiali (quali il calcestruzzo) e delle strutture, proprietà essenziale affinché i livelli di sicurezza vengano mantenuti durante tutta la vita dell'opera.

continua a leggere »

InCasa s.r.l.

Savigliano

Via Metalmeccanici, 7
Tel/fax. 0172.717243
commercialesavigliano@incasa.info

Borgo San Dalmazzo

Via Cuneo, 92/A
Tel/fax. 0171.260376
commercialecuneo@incasa.info 

 

facebook follow

REA: CN – 252368 - Registro imprese di Cuneo n. 02977510045 data 26/02/2004 - C.F. e P.I. 02977510045 - Capitale i.v. 40.000,00 euro.

informazioni legali e informativa sulla privacy

Copyright © 2013-2017 INCASA SRL. ANOTHER PROTON WEBSITE